Airc Le Arance
della
Salute®
Arance della Salute

Sport

ATTIVITÀ FISICA PER TUTTI

Non solo misura di prevenzione, ma anche strumento di potenziamento del sistema immunitario: gli studi dimostrano che muoversi è una medicina molto efficace

Mantenersi fisicamente attivi riduce l’insorgere dei tumori del colon-retto e, nelle donne, dei tumori del seno e dell’endometrio. L’attività fisica aiuta anche a prevenire l’aumento di peso, il che contribuisce a ridurre ulteriormente il rischio di questi e altri tipi di cancro, come quelli al rene, al pancreas, all’esofago e alla cistifellea.

I meccanismi biologici attraverso i quali l’attività fisica può proteggere dal cancro sono vari e non tutti conosciuti. Fra i meccanismi noti, l’attività fisica agisce sui livelli di zucchero nel sangue e sull’insulina, sugli ormoni sessuali, sui mediatori dell’infiammazione e sul funzionamento del sistema immunitario, tutti fattori che influenzano il rischio di cancro. L’attività fisica contribuisce anche a contenere l’aumento di peso e, con questo, il rischio oncologico.

MUOVERSI SÌ, MA QUANTO?

Secondo il Codice europeo contro il cancro, è importante svolgere attività fisica ogni giorno e limitare il tempo che si trascorre seduti.
È bene dunque praticare quante più attività leggere possibili (per esempio camminare, andare in bicicletta con un’andatura lenta, fare stretching, salire le scale, fare lavori domestici e praticare sport tranquilli come il ping pong e il golf).

Anche sommare brevi sessioni di attività fisica durante la giornata è salutare, mentre è bene limitare il tempo speso in attività sedentarie come stare seduti o guardare la televisione. Ridurre il tempo che trascorriamo seduti può contribuire a proteggere contro il rischio di cancro combattendo l’aumento di peso.

È inoltre possibile ottenere benefici per la salute cercando di praticare un’attività fisica moderata per almeno 150 minuti alla settimana, un’attività fisica intensa per almeno 75 minuti alla settimana oppure una combinazione equivalente delle due. Esempi di attività fisiche moderate-intense sono quelle che comportano lo spostamento di pesi, gli esercizi di resistenza (con attrezzi) e gli esercizi aerobici intensi. Per raggiungere i tempi raccomandati per settimana è anche possibile sommare più sessioni brevi o effettuarne una più lunga.
I bambini e i giovani devono praticare almeno 60 minuti al giorno di attività fisica moderata-intensa. Per raggiungere tale obiettivo è possibile distribuire nell’arco della giornata diverse sessioni più brevi (ad esempio 2 sessioni da 30 minuti).

UTILE ANCHE PER CHI È GIÀ MALATO


Licia Rivoltini, responsabile della Struttura semplice dipartimentale di immunoterapia dei tumori presso l’Istituto tumori di Milano, ha ricevuto da AIRC un finanziamento per studiare l’effetto che la cosiddetta dieta mima-digiuno e l’attività fisica moderata potrebbero avere sulla capacità del sistema immunitario dei malati di melanoma di recuperare dopo l’operazione di rimozione del tumore iniziale, e nella prevenzione delle recidive.
Se lo studio dimostrerà la validità dell’ipotesi di partenza, aggiungerà un nuovo tassello alle conoscenze sui possibili benefici dell’attività fisica. Benefici che sono già stati dimostrati, da altre ricerche, sul sistema immunitario e, attraverso questo, sulla riduzione della massa tumorale e delle metastasi.

L’INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER COMBATTERE IL CANCRO

Resta aggiornato sui progressi della ricerca,
sulle iniziative e tutte le novità AIRC

Iscriviti alla Newsletter